La percezione dello scorrere del tempo nel bambino

Una scoperta meravigliosa

Questo è un aneddoto raccontatomi da un’amica che un giorno era andata a prendere a scuola il nipotino di 6 anni.
Quel giorno il bimbo uscì dal cancello della scuola particolarmente sorridente e, corso dalla nonna, le riferì di aver fatto una “scoperta bellissima”. Alla domanda, della nonna, di cosa si trattasse, il piccolo rispose testualmente: “ho fatto una scoperta bellissima nonna, ho scoperto che una volta eri giovane!!” ed aggiungeva “te lo giuro nonna, una volta eri giovane”.
Questo aneddoto divertente comunica tutta la freschezza e lo stupore del amino che scopre il passare del tempo ed i cambiamenti che questo produce nella vita di ognuno.

Tutto ciò mette in evidenza quanto sia importante la comunicazione fra generazioni.
L’esperienza del nonno narrata al nipote acquista il fascino di una favola.
Il racconto: “c’era una volta una giovane che è diventata madre e poi ancora nonna…” potrà essere occasione di vicinanza fra le due generazioni e di comprensione del presente che ha avuto un passato ed avrà un futuro.

Questo eterno scorrere del tempo è inarrestabile come sostenevano i greci indicando il tempo ciclico con il termine di “Kyklos”: nulla può accadere se non conformandosi al già accaduto

Via Ivrea, 1/3 - 35142 Padova - Cell. 347 3366068 - Studio 049 87 11 041
P.Iva 01973480282